top of page

Vitamina D: approfitta dell’estate (ma con i giusti accorgimenti)

Con il termine “vitamina D” si intende un gruppo di molecole caratterizzate da numerose funzioni biologiche, tra cui:

  • l'aumento dell'assorbimento intestinale di certi minerali (calcio, magnesio e fosforo)

  • la partecipazione a diverse attività metaboliche

  • la regolazione del metabolismo osseo


scritta vitamina D, uova, butto, salmone, piselli, riso
La vitamina D: perché è importante. Approfondimento by Dott.ssa Francesca Morganti


Vitamina D: approfondimento

Nell'uomo, i composti più importanti che fanno parte di questo gruppo sono la vitamina D3 (colecalciferolo) e la vitamina D2 (ergocalciferolo). Entrambi possono venire introdotti con la dieta, tuttavia, solo alcuni alimenti vantano un contenuto adeguato di vitamina D biologicamente attiva.


La maggior parte della vitamina D presente nell'organismo è infatti di origine endogena. Il processo di produzione ha inizio nel fegato, il colesterolo subisce una prima trasformazione e raggiunge poi la cute grazie al sistema circolatorio. Attraverso l’esposizione della pelle ai raggi UVB, il colesterolo viene trasformato in provitamina D3 e, successivamente, in vitamina D3. La vitamina D è poi nuovamente trasferita nel fegato, trasformata in calcitriolo e distribuita alle varie cellule del nostro organismo, dove svolgerà la sua funzione.


Tuttavia, non è sempre così facile produrre una quantità sufficiente di vitamina D tramite l’esposizione al sole, perciò è bene assicurarsi di consumare alimenti ricchi di questa vitamina. In secondo luogo, è possibile ricorrere all’uso di integratori alimentari specifici a base di vitamina D, viene comunemente usata la vitamina D3, che è la forma a più alto assorbimento e quindi più efficace.


Tra gli alimenti ricchi di vitamina D, ricordiamo:

  • salmone, anche fonte di omega 3;

  • pesce spada: si consiglia di non mangiarne più di 150 grammi alla settimana, in quanto a rischio contaminazione da metalli pesanti come mercurio;

  • sgombro: rispetto al tonno e al salmone ha il beneficio di non accumulare metalli pesanti;

  • aringa e sardine: ricche anche di acidi grassi omega 3;

  • tuorlo d'uovo: consiglia di consumarne da due a quattro a settimana, in quanto contiene alte quantità di grassi saturi e colesterolo;

  • tonno: ha un contenuto minore di Vitamina D rispetto ad altri pesci. Anche il tonno in scatola non perde durante la sua lavorazione il quantitativo di vitamina D;

  • olio di fegato di merluzzo: importante fonte di Vitamina D e di Vitamina A e omega 3. Essendo queste due vitamine liposolubili, sono più facilmente assimilate tramite l'olio di fegato di merluzzo che è un alimento grasso;

  • latte, anche se non in alte dosi;

  • fegato di bovino, contiene anche un buon livello di vitamina A;

  • funghi;

  • cacao e cioccolato, sia al latte che fondente.

Sebbene la vitamina D non sia presente naturalmente nella maggior parte degli alimenti, in alcuni paesi viene comunemente aggiunta in fortificazione ai cibi, come nel latte, in alcuni succhi di frutta, barrette energetiche e pasti sostitutivi.


Se non riesci ad esporti al sole almeno 15-30 minuti al giorno e a non consumare cibi ricchi di vitamina D, potresti andare incontro a una carenza di questa vitamina, la quale potrebbe impattare negativamente sulla salute delle ossa, al tempo stesso, l’eccesso di vitamina D potrebbe provocare una calcificazione diffusa a livello dei vari organi, con conseguente vomito, diarrea e spasmi muscolari.


Con l’arrivo della bella stagione, il consiglio è quello di esporsi con moderazione e con i giusti accorgimenti (creme solari) al sole per assicurarsi un corretto immagazzinamento di Vitamina D. Nel caso di aumentato fabbisogno energetico o carenze nutrizionali, evidenziabili attraverso analisi del sangue, è consigliabile l’assunzione di integratori, sotto consiglio medico.



Il seguente articolo ha funzione divulgatoria. Non si assume alcuna responsabilità riguardante un uso scorretto di tali informazioni.


Se vuoi avere maggiori informazioni, contattami per una consulenza!





34 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page