top of page

Alimentazione in gravidanza

Aggiornamento: 18 set 2022


Sfatiamo il mito che in gravidanza si mangia per due...



Spesso si sente dire “in gravidanza si mangia per due”...Ecco un altro mito da sfatare.

Durante il periodo della gestazione un aumento del peso è fisiologico, ma non bisogna mangiare per due, anzi.

L’incremento di peso deve essere mantenuto e monitorato in modo attento e controllato, per preservare la salute sia del feto (spina bifida e altre malformazioni, predisposizione all’obesità in età adulta) che della madre (tra le altre, prevenire l’insorgenza del diabete gravidico e dell’ipertensione gestazionale).


Se l’aumento di peso in gravidanza, come abbiamo visto, non deve essere lasciato al caso, allo stesso modo è sbagliato focalizzarsi troppo su un aspetto puramente estetico ed anteporre quest’ultimo alla salute della madre e del bambino.


Durante i fatidici nove mesi avvengono, infatti, delle modificazioni del corpo della donna, la maggior parte della quali del tutto reversibili: è importante saperle accettare e accoglierle con serenità.


Un maggiore aumento di peso si ha poi nella seconda metà della gravidanza, ma è necessario considerare come non sia dovuto solo a un aumento di massa grassa (seno compreso), ma anche alla placenta, al liquido amniotico e ovviamente al feto.


Ad un incremento del peso potrebbe concorrere anche la ritenzione idrica, un ristagno di liquido dovuto alle trasformazioni ormonali che avvengono in maternità.



Piccolo focus, ora, sull’aumento di peso auspicabile in gravidanza secondo le linee guida italiane:


Questo dipende dal BMI (rapporto peso e altezza) pre gravidico.

  • In donne normopeso (BMI 18,5- 24,9), l’aumento di peso auspicabile dovrebbe essere compreso nel range 11-16 kg.

  • In donne sottopeso (BMI inferiore a 18,5) tale aumento dovrebbe essere tra i 13 e i 18kg.

  • In donne sovrappeso (BMI 25- 29,9) l’aumento dovrebbe essere di 7- 11 kg, mentre in donne obese (BMI maggiore di 30) l’aumento dovrebbe essere tra i 5 e 9 kg.



Aumento calorico:


Nel primo trimestre è auspicabile un aumento dell’introito calorico limitato a 70 kcal giornaliere, nel secondo l’incremento calorico giornaliero dovrebbe essere di circa 266 e infine nel terzo trimestre di 500 calorie giornaliere.


Aumento proteico:


All’aumento in termini di calorie, corrisponde un aumento dei macronutrienti quindi carboidrati, proteine e grassi. Se per carboidrati e grassi le linee guide non stimano un corrispettivo aumento, per le proteine è invece auspicabile un aumento di un solo grammo giornaliero nel primo trimestre, di 8 grammi nel secondo trimestre e di 20 grammi nell’ultimo trimestre.




Cosa evitare in gravidanza?


· Alimenti crudi o poco cotti (sushi, salumi, carpaccio…);

· alcolici e superalcolici;

· limitare i caffè e bevande contenenti caffeina;

· formaggi erborinati e a crosta molle (gorgonzola, brie, camembert, roquefort, tomini, feta);

· latte crudo;

· frutta e verdura non lavate;

· uova casalinghe crude o poco cotte;

· conserve di produzione familiare;

· cibi scaduti;

· limitare a una volta a settimana pesci di grosse dimensioni come tonno, pesce spada, ecc (più ricchi di inquinanti);

· limitare gli zuccheri.



Cosa preferire?


Bisognerebbe invece optare per un’alimentazione sana, varia e bilanciata, contenente:

· proteine ad alto valore biologico (carne, pesce, uova, latticini);

· omega 3 (pesce azzurro, frutta secca, semi oleosi);

· frutta e verdura ben lavata (acqua, fibre, sali minerali e vitamine);

· acqua come principale fonte di idratazione;

· preferire cereali integrali e a chicco, riducendo le farine raffinate.



Integrazione:


Per quanto riguarda l’integrazione, occorre assumere i canonici 400 microgrammi di acido folico da almeno due mesi prima del concepimento, fino al terzo mese di gestazione.

Bisognerebbe poi valutare eventuali carenze tramite le analisi del sangue e andare a integrare ove vi sia l’eventuale necessità.

Andrebbe posta particolare attenzione in caso di vomito frequente.




Non si assume alcuna responsabilità per quanto riguarda le informazioni contenute nella presente e non si è responsabili dell’uso che può esserne fatto. Tali informazioni sono a carattere puramente informativo.

Come dico sempre, il tutto va contestualizzato e adeguato alla persona, tramite un percorso personalizzato.😊

29 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page